ATTIVITA' APOSTOLICA A CATANIA 

 
   95124 CATANIA - Fraternità conventuale, parrocchiale,ospedaliera Convento dei Cappuccini Via S.Maria della Catena 2 - tel 095-455666 Convento (1536) -
PARROCCHIA S.CUORE DI GESU'
Posta nel centro della città,a Via del Plebiscito e un Parrocchia che fa fiorire tante attività apostoliche e caritative,anche perchè è limitrofa a quartieri degradati che hanno bisogno della presenza di religiosi del popolo.

12-21 giugno Centenario chiesa di Catania
Nei giorni 12.21 giugno i Frati Cappuccini del Convento di Catania e il Consiglio Pastorale hanno celebrato il Centenario dell’Inaugurazione della nuova Chiesa,ancora una volta restaurata,dopo il sisma che ne aveva minato la sicurezza.
Il programma è stato ricco di riti religiosi emanifestazioni civili e sociali.
“ La chiesa era stata costruita e inaugurata il 3 Aprile 1898 Domenica delle Palme,alla presenza del Ministro Provinciale dei Frati Minori Cappuccini Fr Agostino da Messina.
Sotto la guida di P.Alessandro da Viagrande,lavorando con ammirabile perizia e zelo religioso,architetto,maestranze e popolo ci hanno lasciato questa preziosa opera d’Arte”. E’ stata tenuta una tavola rotonda sul tema “Seminiamo la speranza”,presso il salone parrocchiale.
E’ stata stampata una bella immagine del S.Cuore di Gesù,ch si venera nella Chiesa con i cenni storici sui Cappuccini a Catania e sulla nuova chiesa.
Il giornale locale “Le Prospettive” in data 14 Giugno ne ha dato l’annuncio con un articolo intitolato e con un bel trafiletto che parla de
I Frati del Popolo a Catania - quella presenza semplice e operosa.

Cappellanie a Catania

Oltre agli Ospedali i religiosi hanno avuto da tanti anni la cappellania delle Suore Cappuccine col Santuario di S.Antonio,al Viale Mario Rapisardi,che assorbe ogni giorno,ma specialmente nei giorni festivi più di un sacerdote,per le celebrazioni,ma sopratutto per le confessioni

GLI OSPEDALI

95125 CATANIA - Ospedale Ferrarotto - tel 095-365281
un cappellano che dimora in ospedale con attività multipla.

95128 CATANIA - Ospedale Garibaldi - tel. 095-326968
un cappellano con sede in ospedali,con cariche ospedaliere anche in organismi regionali.

95122 CATANIA - Ospedale Vittorio Emanuele - tel. 095-32296,312663
due cappellani con sede in ospedale che a volte sono coadiuvati da altro religioso,essendo l'ospedale vicino al convento.

95128 CATANIA - Ospedale S.Luigi -
un cappellano con sede in convento,che fa servizio giornaliero all'ospedale.


Breve storia dei conventi Catania

Il convento di Catania ( o Catana) è stato tra i primi luoghi presi dai Frati, ma costruito attraverso gli anni per ben quattro volte.Il primo sito è stato presso il Bastione di S.Giovanni nel 1536 o 1533, ma durò poco, perché già nel 1551 cominciarono a fabbricare il convento di Cibali, che fu anche sede del noviziato, mentre i frati già pensavano ad un altro convento.

Grande ed esemplare povertà del convento di Cibali

Il luogo vecchio per esser il 3' della Provincia e de primi del Regno, quei primi nostri padri e santi religiosi lo fabricarono poveramente di taio servendosi della calcina per inalbarlo, se pure furono li medemi che ciò fecero, li corritori così stretti che due persone non vi potevano andar alla spalla, & incontrandosi, uno doveva cedere all'altro con mettersi le spalle al muro, le celle piccolissime che per l'appersonati non bastava il tratto, le fenestrelle come aperture di forno, volendosi affacciare bisognava uscir prima il braccio e poi la testa; la chiesa piccola e poverissima; uscito dal Noviziato l'anno 1660 vi andai di fameglia, vi erano per li candileri grandi della pedana dui pezi di legni a 4 faccie, ogn'una larga 4 dita con una passata di scrubia per piedi due petre ritonde come un piatto grandetto, e sopra un semplice tagliere.
Or per queste e simili austerità, questo luogo è in gran concetto di tutti , in particolare de' catanesi, stimando alcuni sempliciunazi che li P.P. vi dimorano esser più osservanti degl'altri conventi e per conseguenza, più persone divote della città ci somministrano larghe limosine, quali viste o sapute dal cercatore del luogo grande sono rovetti gli passano per li narici, in particolare quando vede uscire l'altro cercatore da palazi e case non di sua cerca.Per toglier via ogni possibile disturbo potesse avenire, volevano farne, come dico un solo e si determinò pigliarlo in quel monticello sopra li P.P. riformati, bel sito e l'orto e giardino del convento vecchio per la vicinanza restava.
Questa determinazione fu di gran gusto di quei si trovarono presenti quando si pigliò il sito e della Provincia, ma phoco durò perché puochi giorni quell'illustrissimo Senato si fece a sentire voleva li 2 conventi come prima, alla quale petizione non pottero contradire ma si tenne e stima per certo esser stata opra fratesca appo quell'illustrissimi signori.

Nel 1619 quindi scelsero un secondo sito, vicino l’attuale Piazza Stesicoro e costruirono il convento detto della Speranza, dal titolo della chiesa dedicata a S.Maria della Speranza.
Il detto convento fu completamente distrutto dal terremoto del 1693 e ricostruito più grande e più bello di prima.
Dopo la soppressione del 1866 si è definitivamente perduto, perché incamerato dal Governo, al suo posto fece costruire un gran palazzo con uffici pubblici.

Nel 1885 i Frati comprarono il luogo attuale e vi costruirono la nuova Chiesa, dedicata al S. Cuore di Gesù e il nuovo Convento.
La Chiesa è stata eretta a Parrocchia il 16 Agosto 1949, col consenso della S.Congregazione dei Religiosi ed affidata all'Ordine.
 

20/04/2004 17.18.05